INTERVISTA AD ALESSIO VISONE

Stella partenopea dell’haute couture, è il miglior amico delle clienti.
È in via dei Mille 1, nel cuore della Napoli chic, che Alessio Visone, virtuoso stilista partenopeo, crea i suoi esclusivi abiti da sposa e di alta moda. Il suo stile è inconfondibile, ricercato, prezioso, a volte sopra le righe, ma mai volgare. Si era iscritto a medicina per accontentare mammà e faceva il modello, poi ha preferito un corso di taglio e cucito e ha incontrato Antonella Di Pietro, attualmente creative director di Karl Lagerfeld. Nella lunga lista delle clienti-amiche: una schiera di raffinate donne della Napoli bene, sciure milanesi, parigine, made in Usa e personaggi del calibro di Sabrina Ferilli, Michelle Hunziker, Mara Venier. Tra l’altro è anche art director ed event planner del prestigioso albergo Regina Isabella di Ischia.
Tra i tanti wedding dress realizzati in 28 anni di carriera, il più “famoso” è quello per le terze nozze della Regina dei Cristalli…
Fiona Swarovski è una cara amica. Una sera, durante una cena mi confidò che stava per risposarsi e voleva un mio abito. In tanti si offrirono di realizzarle la mise, ma scelse me perché colpita da un particolare visto a una sfilata.  Per lei ho creato un abito corto in mikado bianco, con cappottino ton sur ton impreziosito da una chiusura-gioiello a farfalla, tempestata ovviamente di cristalli Swarovski.
La prima cosa che le viene in mente se dico abito da sposa e quale dettaglio non manca nei suoi outfit?
È un vestito sartoriale unico: rappresenta appieno la donna che lo indosserà e le consente di essere se stessa anche il giorno delle nozze. Immancabile è il velo e il decoro nei confronti dell’altare, un luogo di culto richiede rispetto.
Da chi o cosa trae ispirazione quando disegna un wedding dress?
È tutto soggettivo, ma principalmente dalla cliente, dai suoi gusti, da un tema da lei suggerito, dal suo fisico e dalla location delle nozze. A una ragazza che si sposerà in spiaggia, per esempio, difficilmente proporrei un abito con tessuto rigido. Punterei più su qualcosa di impalpabile e fluttuante.
Quale consiglio darebbe a dei futuri sposi per non organizzare un evento kitsch? 
Stupire a tutti i costi è superato, quindi: abolire ogni stravaganza e puntare sul buon gusto, sulla qualità e su una particolare sensibilità in grado di coinvolgere, anche mentalmente, sia gli sposi che i loro ospiti.
Passando alle colorate creazioni d’haute couture, ci svela qualche chicca sulla collezione P/E 2014?
Ho in serbo diverse sorprese, tipo l’utilizzo di un materiale accattivante e naturale, piacerà molto anche agli animalisti… e poi mi sono divertito a rivisitare la fantasia di un vecchio foulard Chanel di mia madre.
Cosa piace di lei e del suo stile?
Forse il modo in cui mi pongo. Dopo un primo incontro, dovuto spesso a un passaparola, quasi sempre le clienti diventano anche amiche e si instaura un rapporto confidenziale. Per quanto riguarda lo stile, credo colpisca il fatto che rispetti sempre le persone che mi trovo davanti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.