Breve guida alle seconde nozze

0
2331

Chi l’ha detto che ci si sposa una sola volta? Nell’era dei divorzi lampo probabilmente aumenteranno le seconde nozze e perché no le terze, ma come comportarsi? Di sicuro deve essere il matrimonio dei vostri sogni. Non esistono dogmi assoluti, ma semplici regole sono dovute e necessarie per evitare di ridicolizzarsi davanti ad amici e parenti. Innanzitutto niente clamore per l’annuncio. I primi a saperlo devono essere i figli avuti da precedenti matrimoni. È molto importante! Investiteli dell’onore di fare le damigelle, o di portare gli anelli, o di accompagnarvi all’altare, ma non date per scontato che vogliano essere coinvolti. Chiedeteglielo. Se esprimono riluttanza, non insistete. Rassicurateli che la loro presenza sarà apprezzata, indipendentemente dai ruoli e fateli sedere al vostro tavolo durante il ricevimento.
Invitate solo i parenti e gli amici più intimi. Non è di buon gusto ospitare l’ex coniuge, anche se i rapporti sono buoni; se sono pessimi allora bisogna essere accorti anche nella scelta degli amici, non mettete in imbarazzo quelli “in comune”, con una presa di posizione non voluta. I cartoncini d’invito non sono ben visti la seconda volta, ma se proprio volete ricordate che sono gli sposi ad annunciare il matrimonio. Se avete dei bambini, una idea molto bella è quella di includerli nell’invito. Per esempio: Sofia Rossi con i figli Giulia e Matteo e Michele Bianchi con il figlio Lorenzo, richiedono il piacere della vostra presenza, in occasione dell’unione delle loro famiglie; oppure: Giulia, Matteo e Lorenzo annunciano il matrimonio di mamma Sofia e papà Michele. Ad ogni modo è meglio e più comoda una telefonata. Evitate mail o sms!
Abbigliamento. Sposa: lascia che la tua personalità emerga e indossa l’abito che più ti emoziona. Si consiglia di evitare lo strascico e il velo, tradizione delle prime nozze; sostituiscilo con fiori freschi o un capello. Sposo: vale lo stesso discorso. Indossa quello che ti fa sentire meglio, non sentirti obbligato da convenzioni o tradizioni. Per la burocrazia occorre la copia integrale dell’Atto di matrimonio precedente, rilasciata dal Tribunale del comune in cui è avvenuto il matrimonio, con l’annotazione dell’avvenuto annullamento. Se sono trascorsi meno di 300 giorni dal divorzio, serve la copia autenticata della sentenza. Ai vedovi è richiesta la copia integrale dell’atto di morte. In ogni caso il “secondo sì” va celebrato in Comune o comunque con rito civile. La legge, anche in caso di seconde nozze, dà diritto ad una licenza matrimoniale di quindici giorni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.