Come tagliare la lista degli invitati al matrimonio

Nell’organizzazione del matrimonio, la matematica la fa da padrona. Soprattutto quando si tratta di tagliare la lista degli invitati. Ma più in generale numeri freddi e assolutamente poco glamour saranno la risposta a domande fondamentali, come: qual è il nostro budget? Quanto tempo durerà la cerimonia e il ricevimento? Quante persone può ospitare la location? Avrete a che fare con così tanti calcoli, che desidererete di avere una laurea in Economia e Commercio. E se la lista dei potenziali invitati supera i limiti di spesa o di spazio, sarete costretti a tagliarla. Succede a tutti quelli che pianificano il matrimonio. Ti siedi con il tuo fidanzato/la tua fidanzata e fai una lista di tutte le persone che desideri avere con te.

Tra queste, c’è ovviamente chi sei obbligato a invitare. Ma anche i cugini con cui non parli mai, l’insegnante delle elementari e gli amici che ti hanno invitato ai loro matrimoni, anche se non li sopporti più. Come evitare dunque che l’elenco degli ospiti sia più adatto a una convention che a un matrimonio? Per iniziare a capire come tagliare la lista degli invitati al matrimonio, ecco i suggerimenti di Fables Wedding. E una volta appreso questo schema, fate un respiro profondo e iniziate a stilare la vostra lista. È un compito importante, quindi, preparate un panino, aprite una bottiglia di vino e immergetevi nella parte. Anche questo passerà!

Fase uno: gli indispensabili

Crea un elenco di tutti coloro che devono assolutamente essere invitati al 100%. Questo include genitori, fratelli, migliori amici, ecc. Una volta che hai questa lista, saprai quanti altri posti sono veramente disponibili.

Passo due: la lista utopica

Ora vai nella direzione opposta e fai un elenco di tutte le persone che vorresti invitare. Questo dovrebbe essere stilato come se tu avessi un milione di posti disponibili. Gli amici degli amici vanno su questa lista, così come quelli non tanto amati, i compagni della palestra o della squadra di calcetto.

Fase tre: a ognuno il suo colore

Dividi l’elenco in tre categorie e abbinagli un colore. Per esempio, i nomi verdi sono “li voglio davvero lì”, i nomi gialli sono “spero che possiamo includerli” e il rosso è “solo se abbiamo spazio”.

Fase quattro: la verifica dei definitivi

Combina i nomi degli invitati ai quali hai assegnato il colore verde con quelli elencati nella fase uno. Questi sono i sicuri. A questo punto sottrai questo numero dal numero massimo di ospiti. I posti ancora disponibili andranno ai gialli e ai rossi. Se vi rientrano tutti i gialli, e avanza ancora qualche posto, dovrai scegliere solo tra i rossi. Se riesci a includere solo alcuni dei gialli, dimentica del tutto i rossi. Non verranno!

Fase cinque: la più difficile

Quali sono i criteri per decidere chi tra i “rossi” riceverà l’invito? Questi dovrebbero essere decisi di comune accordo con il/la partner. Tieni presente che avrai alcuni RSVP negativi, quindi ti consigliamo di invitare più persone di quanti posti hai a disposizione. Solitamente, le defezioni vanno dal 15 al 20 percento.

Passo sei: gli ultimi biglietti d’oro

Siate onesti e sappiate che il compromesso è lo strumento più potente, quando si tratta di tagliare la lista degli invitati al matrimonio. Può essere utile avere una “bozza”, e sia tu che il tuo partner potete scegliere un certo numero di persone dall’elenco rimanente. La chiave di volta è evitare che questo step, nella pianificazione del matrimonio, sia causa di un risentimento che potrebbe protrarsi fino al vostro giorno speciale.

Raffaella Maffei
Sono una wedding-addicted. Coltivo la mia passione per la scrittura e il giornalismo, da quando ho imparato a scrivere le vocali. Ho collaborato con numerosi quotidiani e riviste nazionali e locali, testate online e con alcune trasmissioni di La7, Rai e Mediaset. Ho lavorato come ghostwriter e per il cinema. Porto addosso le storie raccolte durante gli anni in cui mi occupavo del welfare italiano, il terzo settore, dove i sogni e i desideri sono rivolti solo alla sopravvivenza. Poi, ho conosciuto coppie di novelli sposi anche nei campi profughi... Amor omnia vincit!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.