Matrimonio a distanza: come farlo funzionare?

Il matrimonio a distanza è purtroppo sempre più frequente e la causa principale è il lavoro. Sentirsi insieme ma “soli” fisicamente può indurre la coppia a perdere intimità e a sgretolarsi pian piano, poiché sono pochissimi i momenti da poter vivere insieme. Nonostante i pregiudizi e le preoccupazioni una relazione a distanza può durare, l’importante è adottare delle contromisure e soprattutto venirsi incontro l’uno con l’altra, cosa che andrebbe fatta sempre e comunque, a maggior ragione tra due coniugi che vivono lontano.

Matrimonio a distanza: come viverlo nel modo giusto?

Quando si ha una relazione a distanza sono tante le preoccupazioni che si affollano nella testa, ma ciò non deve assolutamente compromettere il tuo stato d’animo e la stabilità della coppia. Analizziamo insieme alcuni dei punti chiave di una relazione a distanza e come affrontarli:

  • la lontananza: amare qualcuno non dipende dalla prossimità spaziale. Un amore sano, fatto di fiducia e rispetto, non ha paura della lontananza. Certamente stare vicini consente di vivere di più l’altra persona, ma con gli attuali mezzi di comunicazione tu e il tuo partner potete sentirvi di sicuro un po’ “più vicini”. La paura del tradimento può però assalirti: considera che non c’è bisogno di stare lontani per tradire, quindi devi dare piena fiducia al partner senza metterlo sotto pressione;
  • la solitudine: la lontananza e il ritrovarsi senza partner può provocare nelle persone più sensibili un senso di solitudine e tristezza. Ci sono persone che senza partner non riescono a fare assolutamente nulla: non è corretto reagire in questo modo, ma bisogna continuare a vivere la propria vita svolgendo il proprio lavoro e le proprie faccende giornaliere. Non bisogna insomma appiattirsi e dipendere dall’altra persona, ma realizzarsi individualmente per stare meglio insieme senza pericolosi squilibri emotivi ed economici;
  • gli incontri: come funziona quando ci si rivede? Gli incontri sono sicuramente molto emozionanti, un po’ come se fosse sempre la prima volta. Il tempo sembrerà sempre troppo poco, ma il trucco è godersi ogni singolo momento insieme senza pensare subito al distacco;
  • i compromessi: impegni di lavoro, fusi orari e altri problemi potrebbero ostacolare la comunicazione. Questi ostacoli non devono abbatterti, ma anzi devi farti forza e trovare dei compromessi, ritagliandoti degli spazi come se fosse una vera e propria pausa relax della propria giornata.

Consigli pratici

Cerchi un modo per tenere vivo il rapporto senza che si sfilacci a causa della lontananza? Ecco alcuni consigli pratici per far funzionare la tua relazione a distanza:

  • fai delle sorprese: come in ogni tipo di relazione le sorprese sono molto gradite, anche a distanza è possibile farle con un regalo o, perché no, con un biglietto aereo verso la città dove si trova il partner;
  • intimità virtuale: la tecnologia ha creato nuovi modi di vivere la propria intimità e i propri desideri sessuali anche quando non ci si trova vicini;
  • sii creativo/a: il ridotto tempo da passare insieme deve essere incentrato soltanto su voi stessi, per cui non bisogna avere distrazioni e organizzare al meglio tutto con un pizzico di anticipo;
  • scrivi delle lettere: scrivere una lettera è qualcosa di unico nel suo romanticismo. Siamo abituati a scrivere messaggi in chat in maniera rapida, ma scrivere una lettera ti consente invece di fermarti a pensare a tutto ciò che vuoi comunicare al partner e soprattutto, essendo una cosa tangibile, sarà anche un bel ricordo da conservare.

Considerazioni finali

Avere un matrimonio a distanza è difficile, ma al tempo stesso consente di avere una visione più ampia di ciò che accade al di fuori della coppia nella propria vita. Sapere di avere qualcuno che ti sostiene, nonostante sia lontano, ti consente di far apparire i normali problemi di tutti i giorni molto più piccoli. Insomma, coraggio, che dove c’è amore ogni ostacolo si supera!

Foto: Pixabay

Redazione
Giornalista pubblicista e copywriter, mi sono avvicinato al mondo del matrimonio dopo il mio “fatidico” sì nel 2017, approfondendo diversi aspetti come l’abbigliamento degli sposi, l’arredo dei tavoli ed il viaggio di nozze.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here