Matrimonio in gypsy style, lasciatevi ispirare

Sono kitsch, esagerati, chiassosi, colorati e colmi di fiori. La parola d’ordine è ostentazione: festeggiamenti esagerati, abiti-bomboniera, colori sgargianti, carrozze trainate da cavalli e limousine oversize. Sì, uno stile degno dei tamarri di ogni dove, eppure, i gypsy hanno attirato star come Kate Moss. “Sono così romantici”, ha detto. E così, per il suo sì al rocker Jamie Hince, ha voluto una cerimonia in perfetto stile zingaro, con sedici damigelle d’onore e trapezisti per intrattenere gli ospiti.
Gli abiti raggiungono pesi incredibili, sfidano con coraggio non solo le linee guida della moda, ma anche le leggi di gravità, sono creazioni limitate solo dai confini della fantasia. Una sposa gitana, di nome Sam, ha indossato un abito rosa, strutturato con 21 strati di crinolina e costellato, come il velo, di luci a fibre ottiche, mentre sul corpetto svolazzavano farfalle meccaniche. Probabilmente, madre e amiche sono state costrette a seguirla, per tutta la durata della festa, con un estintore pronto all’uso.
Gli accessori? Tiare giganti, tempestate di cristalli, per un valore medio di 1600 dollari, collane e orecchini altrettanto stravaganti. Anche il trucco è marcato e vistoso, e le pettinature sono sempre sullo stile too much. Rispetto all’abito della sposa, quello dello sposo sarebbe piuttosto noioso, se non fosse per gli accessori in colori vivaci, coordinati con la tavolozza del matrimonio. Le damigelle indossano outfit spudoratamente sexy, rosso fuoco, fucsia o viola. Se la sposa ha una sorellina questa indosserà lo stesso abito in miniatura.
Prima di seguirne lo stile considera, però, che gli zingari credono fermamente nel sacramento del matrimonio e nella castità prematrimoniale, non concepiscono divorzio e relazioni extraconiugali, ed entrambi gli sposi si uniscono solitamente molto giovani. La celebrazione si svolge sempre di mattina, seguendo il rito cattolico o evangelista. Ma se vuoi solo respirare l’atmosfera gitana, il 24 e 25 maggio di ogni anno, in Camargue a Saintes Marie de la Mer, si festeggia Santa Sara, la patrona di tutti i gitani. Un’idea per una romantica luna di miele è l’hotel Mas de la Fouque, dove puoi scegliere di dormire in un autentico carrozzone gypsy trasformato in suite.
Raffaella Maffei

Direttore responsabile Fables Wedding

Raffaella Maffei
Sono una wedding-addicted. Coltivo la mia passione per la scrittura e il giornalismo, da quando ho imparato a scrivere le vocali. Ho collaborato con numerosi quotidiani e riviste nazionali e locali, testate online e con alcune trasmissioni di La7, Rai e Mediaset. Ho lavorato come ghostwriter e per il cinema. Porto addosso le storie raccolte durante gli anni in cui mi occupavo del welfare italiano, il terzo settore, dove i sogni e i desideri sono rivolti solo alla sopravvivenza. Poi, ho conosciuto coppie di novelli sposi anche nei campi profughi... Amor omnia vincit!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.